Ciò che rende un buon logo?

Il logo è un aspetto essenziale del branding di ogni azienda perché in genere è il primo punto di contatto per i potenziali clienti.

È quindi fondamentale crearlo in modo che rappresenti davvero il tuo brand e sappia toccare le corde del pubblico.

La progettazione è fatta di vari aspetti, variabili in base alle tue esigenze e al settore in cui operi. In ogni caso, tutti i loghi più riusciti hanno cinque importanti caratteristiche in comune, a prescindere dalle differenze che li rendono unici.

Insomma: che cosa fa di un logo un gran logo?

  1. Semplice
  2. Significativo
  3. Incisivo
  4. Intramontabile
  5. Versatile

Queste cinque qualità rendono un logo immediatamente riconoscibile e assicurano che i consumatori pensino al tuo brand quando lo guardano.

1. Semplice

Molti dei loghi di maggior impatto e successo nella storia sono sorprendentemente semplici. Dal singolo baffo Nike al design omonimo di Apple, i loghi semplici sono facili da riconoscere e ricordare. La semplicità è un ingrediente cardine perché la maggior parte dei consumatori si concentra su un logo per un breve momento soltanto. Un design semplice può esprimere la personalità del tuo brand in modo conciso ed efficace.

I loghi semplici si concentrano sull’evidenziare gli aspetti più importanti della personalità di un brand con uno spazio limitato a disposizione. Questo vuol dire, per esempio, dedicarsi di più ai colori e ai caratteri; alla distillazione delle idee sino alla loro forma più essenziale. Pensiamo a un simbolo: è un efficacissimo strumento per creare semplicità dal momento che può veicolare un’associazione mentale con un particolare sistema di valori o di idee.

Altri fantastici elementi di un logo semplice sono lettere e scritte, che fanno a meno delle immagini e puntano invece a comunicare la personalità del brand direttamente con caratteri e colori. Nel complesso, l’idea di primo piano è concentrarsi sulla trasmissione dell’identità del tuo brand attraverso il minor numero possibile di elementi.

2. Significativo

La prima qualità che i grandi loghi hanno in comune fra di loro è la significatività per i mercati a cui le aziende guardano. Soprattutto, comunicano con chiarezza la personalità e l’identità di un brand. Un componente principale è l’uso dei colori, in grado di suscitare emozioni ed esibire la personalità del tuo brand ai consumatori. Un’azienda che vende giocattoli per bambini può scegliere colori vivaci che comunicano energia, divertimento ed entusiasmo.

Il secondo componente importante è il font utilizzato nel logo o nella scritta. I font sanno trasmettere il tono del tuo brand e i suoi valori, contribuendo benissimo a definire meglio la tua personalità. Font più spigolosi e sottili sono ideali per mettere in evidenza le aziende che lavorano nel mondo della tecnologia, mentre i corsivi più curvilinei funzionano splendidamente per chi si occupa di gioielli o di prodotti dedicati al pubblico femminile.

Infine, scegliere il simbolo giusto è un aspetto capitale per stabilire un punto di riferimento visivo. I simboli sono importanti perché possono essere utilizzati da soli con la funzione di versioni semplificate del tuo logo. Sono importanti anche quando crei connessioni fra il tuo brand e le idee e i valori che lo sostengono.

3. Incisivo

Un altro aspetto fondamentale di un buon logo è che deve farsi ricordare, anche dopo essere stato visto una sola volta. Il suo obiettivo è creare un legame con un consumatore e suscitare interesse per il tuo brand. Se il tuo logo e il tuo brand sono facili da ricordare, riusciranno anche meglio a creare un rapporto fra il cliente e la tua azienda. I loghi facili da ricordare che producono un forte impatto sono preziosi perché fanno in modo che il tuo brand rimanga impresso nella mente dei consumatori.

I loghi incisivi riuniscono molti elementi che abbiamo appena visto, ma individuano anche il giusto equilibrio tra aspetti visuali e testuali. Cosa ancor più importante, comunicano in modo chiaro e coerente la personalità e il tono del tuo brand.

Per finire, un logo incisivo deve sempre puntare a essere unico. Anche nei settori in cui esistono standard e norme di riferimento comune per i design, il logo deve sempre mirare a distinguersi il più possibile dalla massa.

4. Intramontabile

I loghi più riusciti emergono dalla massa perché continuano per anni e anni ad avere qualcosa di importante da dire. Progettare un logo in cui trovano posto le attuali tendenze e mode del design è sempre allettante; non sempre, però, è la decisione migliore.

I loghi di questo tipo possono apparire perfetti adesso, ma con ogni probabilità dovranno essere riprogettati più avanti perché tornino al passo coi tempi. Dal canto suo, un logo intramontabile sarà sempre sintonizzato con il momento attuale e saprà parlare al pubblico, a prescindere da quando viene usato. Per esempio, gli archi dorati di McDonald’s sono invariati da decenni, così come l’iconico wordmark di Coca-Cola.

I loghi intramontabili si concentrano sulla qualità anziché sulla quantità: eliminano gli elementi superflui e le idee pazze; scommettono sulle cose che funzionano. Questo vuol dire fare perno esclusivamente sulle idee e sui valori fondamentali del tuo brand per scoprire qual è il modo più efficace di trasmetterli senza inutili divagazioni. Un altro aspetto importante dei loghi intramontabili è che mantengono i colori a livelli semplici e basilari, lasciando perdere gradienti e tavolozze complesse a favore di colori più selettivi e unici.

Per finire, un logo incisivo deve sempre mirare all’originalità. Anche nei settori in cui esistono standard e norme di riferimento comune per i design, il logo deve sempre volersi distinguere il più possibile da tutto il resto.

5. Versatile

Non da ultimo, un buon logo può essere usato in tante modalità, forme e situazioni. Per esempio, un logo che puoi usare solo in un formato online non è un granché dal momento che ti permette di mostrare il tuo brand al mondo intero solo in certi modi. All’opposto, se scegli un logo che si presta a essere ridimensionato, stampato o posizionato su vari supporti il tuo brand potrà essere molto più visibile.

Anche i loghi più belli non sono necessariamente buoni se diventano illeggibili o irriconoscibili quando li riduci per il packaging o quando si deformano su un cartellone pubblicitario. Per rendere più versatile il tuo logo, uno dei metodi più semplici è pensare al formato che crei e salvare il logo in quel formato. Le immagini fotografiche tradizionali possono sgranare quando le ingrandisci, mentre i file vettoriali sono fatti apposta per essere ridimensionati.

A livello di design, riducendo il superfluo e optando per un design semplice il tuo logo diventerà subito più versatile. Un eccesso di linee, ghirigori, elementi o colori rischia di creare un design complicato che si ridimensionerà male. Tieni presente, invece, che lo spazio a disposizione è limitato: concentrati sul dire di più con meno.

Progetta

È facile progettare un buon logo quando ti concentri sulle qualità che lo rendono efficace. Lavorando per produrre un design intramontabile ma versatile puoi stabilire fondamenta solide sulle quali costruire il tuo brand.

La semplicità lo renderà anche più facile da ricordare per il pubblico, e quindi il tuo design sarà più significativo. Con un buon logo in mano puoi iniziare a sviluppare un brand di grande impatto che attirerà l’attenzione dei consumatori e ti imprimerà nella loro mente per un lungo futuro.